Categoria: Filiera Produttiva

Meglio un olio blend o uno da singola varietà di oliva?

Replicando quanto avvenuto per il vino, anche nel mercato dell’olio extra vergine si è diffusa l’offerta di oli provenienti da una singola varietà di oliva (“monocultivar”). Cerchiamo di analizzare il fenomeno e capire se effettivamente un olio prodotto da una singola varietà di oliva sia migliore di quello prodotto da

olio nuovo primoli

Olio nuovo: un evento gustoso!

Da inizio Ottobre a fine Dicembre è tempo di raccolta delle olive! A seconda della varietà di oliva (cultivar), del territorio, delle condizioni climatiche e delle tradizioni locali la raccolta può essere più o meno precoce. Il momento ideale sarebbe quello in cui l’oliva arriva allo stadio di invaiatura, cioè

Mosca Olearia: lotta al parassita dell’olivo

Parassita temuto, ma meno pericoloso della Xylella, per la sopravvivenza delle singole piante e della specie, è la mosca olearia (Bactrocera oleae), endemica in tutto il bacino del Mediterraneo. Il danno che provoca è limitato alla degenerazione e perdita del frutto; la malattia è determinata dal fatto che una mosca inserisce tramite una puntura un uovo all’interno

Xylella fastidiosa

Xylella fastidiosa: il batterio parassita dell’olivo

La storia recente dell’agricoltura è ricca di catastrofi dovute alla insorgenza o sviluppo di nuovi patogeni o parassiti, talora limitate a continenti come è capitato per la patata in Europa, per il caffè nel Sud Est Asiatico, il pero e gli agrumi in America, o estese a livello globale come

Olio di Oliva: Il Ricco Patrimonio Genetico Italiano

In Italia sono state identificate, descritte e caratterizzate circa 700 varietà di olivo, su un totale di poco più di 1.500 segnalate presenti in tutti i paesi olivicoli.

I fattori pedoclimatici più favorevoli alla coltura dell’olivo

L’olivo è una specie di origine tropicale africana che, nel corso di milioni di anni, eventi geologici (innalzamento della catena montuosa centroafricana) e cambiamenti climatici (desertificazione del Sahara), hanno spinto verso fasce meno calde, obbligandola, con il tempo, ad adattarsi al clima dell’ambiente nel quale si è lentamente evoluta ed

Meglio un olio blend o uno da singola varietà di oliva?

Replicando quanto avvenuto per il vino, anche nel mercato dell’olio extra vergine si è diffusa l’offerta di oli provenienti da una singola varietà di oliva (“monocultivar”). Cerchiamo di analizzare il fenomeno e capire se effettivamente un olio prodotto da una singola varietà di oliva sia migliore di quello prodotto da

olio nuovo primoli

Olio nuovo: un evento gustoso!

Da inizio Ottobre a fine Dicembre è tempo di raccolta delle olive! A seconda della varietà di oliva (cultivar), del territorio, delle condizioni climatiche e delle tradizioni locali la raccolta può essere più o meno precoce. Il momento ideale sarebbe quello in cui l’oliva arriva allo stadio di invaiatura, cioè

Mosca Olearia: lotta al parassita dell’olivo

Parassita temuto, ma meno pericoloso della Xylella, per la sopravvivenza delle singole piante e della specie, è la mosca olearia (Bactrocera oleae), endemica in tutto il bacino del Mediterraneo. Il danno che provoca è limitato alla degenerazione e perdita del frutto; la malattia è determinata dal fatto che una mosca inserisce tramite una puntura un uovo all’interno

Xylella fastidiosa

Xylella fastidiosa: il batterio parassita dell’olivo

La storia recente dell’agricoltura è ricca di catastrofi dovute alla insorgenza o sviluppo di nuovi patogeni o parassiti, talora limitate a continenti come è capitato per la patata in Europa, per il caffè nel Sud Est Asiatico, il pero e gli agrumi in America, o estese a livello globale come

Olio di Oliva: Il Ricco Patrimonio Genetico Italiano

In Italia sono state identificate, descritte e caratterizzate circa 700 varietà di olivo, su un totale di poco più di 1.500 segnalate presenti in tutti i paesi olivicoli.

I fattori pedoclimatici più favorevoli alla coltura dell’olivo

L’olivo è una specie di origine tropicale africana che, nel corso di milioni di anni, eventi geologici (innalzamento della catena montuosa centroafricana) e cambiamenti climatici (desertificazione del Sahara), hanno spinto verso fasce meno calde, obbligandola, con il tempo, ad adattarsi al clima dell’ambiente nel quale si è lentamente evoluta ed